Top

SAB, una storia che parte da lontano

L’evoluzione del trasporto bergamasco, dalle Valli all’Europa, raccontata in un libro.

Si può affermare senza paura di essere smentiti che “SAB” è sinonimo di “Trasporto pubblico bergamasco”.
Dal 1884, con la prima ferrovia in Val Seriana, fino ad oggi, con la rete di autobus che collega città e provincia, la SAB ha fatto la storia degli spostamenti dei bergamaschi. E questa storia di oltre due secoli è ora raccolta in un volume intitolato “Storie e racconti di SAB”, che verrà presentato lunedì 20 gennaio alle 18 nella Stazione delle Autolinee a Bergamo.

Il Libro

La storia raccontata nel libro è anche la storia dell’Italia, che passa da una fase più agricola e povera, alla grande espansione industriale del Secondo dopo guerra.
Se nel 1800 e i primi del 1900 ci si muove principalmente in treno, con la costruzione di nuove strade e lo sviluppo economico, gli italiani iniziano a usare i mezzi di trasporto su gomma. SAB coglie rapidamente questa trasformazione, e adatta l’offerta; gli autobus saranno sempre più diffusi, per i viaggi organizzati all’estero, per le trasferte della squadra del cuore di Bergamo, l’Atalanta, oltre che per gli spostamenti quotidiani.

Ma la storia di SAB è ancora lunga, come leggerete nel libro…

La mostra

In occasione della presentazione del libro è stata allestita anche una mostra collocata su Piazzale Marconi a Bergamo, all’interno della Hall della Stazione Autolinee: una galleria di 7 pannelli che illustrano gli esordi e le trasformazioni nel tempo del trasporto pubblico locale, dalle linee ferroviarie al trasporto su gomma.

La mostra ripropone fotografie, protagonisti, momenti salienti della storia della SAB, iniziata nel 1884 con la ferrovia della Val Seriana, a cui si aggiunge quella della Val Brembana nel 1926, fino ai primi autobus a cavallo tra gli anni ‘30 e ‘40 del 1900. Il percorso continua per arrivare ai giorni nostri, e ci auguriamo continuare più a lungo possibile!